Irradiance Cache

L’algoritmo in questione, consente di avere il controllo su tutti i parametri relativi ai rimbalzi secondari, restituendo così dei rendering molto relistici ed allo stesso tempo veloci impostando il motore di calcolo con dei parametri adeguati.

I parametri disponibili per questo tipo di algoritmo sono i seguenti:

Campioni: numero di campioni che definisce la risoluzione dell’illuminazione ambientale

Tolleranza: consente di definire un valore di approssimazione per il calcolo del rendering

Spaziatura: consente di definire l’intensità di irraggiamento dei campioni in corrispondenza dei punti iniziali dei rimbalzi secondari

Min: consente di stabilire la distanza minima fra i campioni utilizzati per i rimbalzi secondari

Max: consente di stabilire la distanza massima che i campioni utilizzati per i rimbalzi secondari, potranno avere.

PhotonMap: questa spunta, consente di utilizzare una PhotonMap per il calcolo dei rimbalzi secondari in combinazione al PathTracing che viene comunque utilizzato ma in modo meno preponderante.

Fotoni: defnisce il numero complessivo dei fotoni che la PhotonMap dovrà avere

Stima: definisce un valore per la stima dei fotoni utilizzati nell’irraggiamento in un punto

Raggio: stabilisce il valore del raggio della sfera di irraggiamento corrispondente ad un punto