Chiaroscuro

Basato sullo stesso metodo di calcolo del motore esposto precedentemente, questo algoritmo, consente di definire l’illuminazione globale regolando l’intensità dell’illuminazione rispettivamente nelle aree chiare e quindi colpite direttamente dalla luce e nelle aree d’ombra corrispondenti all’illuminazione indiretta.

I parametri che è possibile regolare sono i seguenti:

Campioni: il numero di campioni che definisce la risoluzione dell’illuminazione ambientale

Distanza: è il raggio di propagazione dell’occlusione ambientale

Luce Principale: consente di definire l’intensità della luce propagata nelle aree chiare del modello

Luce Secondaria: consente di definire l’intensità della luce nelle zone scure e quindi nelle zone d’ombra.